Visite in cantina

Vieni a trovarmi nella mia piccola cantina di Vezza d’Alba, e scopri come si producono i vini di Langhe e Roero!

Quando vi inoltrate fra le colline Roero, avete la possibilità di esplorare una terra meno consumata dal turismo, ancora quasi vergine.

Qui le cantine sono ancora piccole, le cascine sono ancora cascine e non dei B&B di lusso, e le colline sono ancora coperte di boschi e frutteti, e non solo di vigneti.

La mia è una piccola azienda che produce 25.000 bottiglie all’anno, tutte vinificate con uve provenienti dai vigneti di proprietà della mia famiglia, uve che curo personalmente, da quando sono germogli sulla vite fino alla vendemmia, e poi dalla fermentazione fino all’imbottigliamento.

A spasso per le vigne

La visita inizia con il tour del vigneto Colla (disponibile su richiesta nelle belle stagioni), posizionato in cima ad una delle creste più alte del Roero. Il percorso e i punti di interesse sono segnalati dalle paline colorate, e il sentiero è segnato dalle “bunse” colorate.

Una volta in cima, da un lato si vede Alba, e a seguire La Morra, e poi il resto delle colline Roerine, arrivando ad ammirare, nelle giornate più limpide, la collina di Superga e la sua Abbazia, nel torinese.

Paesaggi profondamente diversi da quelli delle Langhe…

…più selvaggi, con una morfologia molto particolare, caratterizzata da valli e gole strette, sui cui si alzano colline ripide e a tratti aspre.

Queste peculiarità territoriali si ripercuotono sulla coltura della vite: la ripidità delle colline, insieme alla necessità di dover tenere i filari molto stretti fra loro, impediscono molto spesso di raggiungere le viti con il trattore, per cui siamo costretti a fare gran parte del lavoro a mano.

Un Vino Pulito!

Durante la visita noterai una natura vivace e rigogliosa: non utilizzo diserbanti e cerco di limitare al minimo i trattamenti chimici: questo vino lo beviamo tutti i giorni anche noi, e deve essere sano, pulito (e non solo a parole).

Sempre nell’ottica del rispetto ambientale, la cantina viene alimentata da energia verde e pulita, grazie ai pannelli solari che eliminano la necessità di utilizzare il gas. 

IN CANTINA

Visita ai locali di vinificazione e invecchiamento

Finito il tour dei vigneti ritorniamo in cantina, dove visitiamo prima i locali di fermentazione dei bianchi, poi quello dei rossi e infine i locali di invecchiamento

…e qui arriva fatidica la domanda, spesso accompagnata da espressioni di sorpresa: “ma fai solo barrique?”

Ebbene, sono colpevole, faccio solo barrique. 

Non sono un modernista convinto né per quanto riguarda il semplice gusto del vino né per la filosofia che sta dietro certe tecniche produttive. Anzi, sono vent’anni che mi scontro con questo binomio di “barrique internazionale” e “botte grande tradizionale”.

Più semplicemente credo nelle potenzialità di una barrique usata correttamente, in modo particolare nella produzione del Roero, fiore all’occhiello della mia cantina.

Questa DOCG di uve Nebbiolo è la variante roerina del più conosciuto Barolo, e non ha nulla da invidiargli: proprio come il “vino principe” delle Langhe, si sviluppa nel tempo diventando un vero gioiello da invecchiamento.

E nulla si addice meglio a questo compito delle barrique.

La barrique per me è uno strumento di lavoro, che deve essere “domato”. 

Quando ho iniziato a imbottigliare il mio vino, per ragioni di spazio e di costi sono partito con due barrique.

Facendo di necessità virtù ho sperimentato tanto e per tanto tempo: ho imparato a conoscere e valutare una barrique secondo la sua età, ma soprattutto ho imparato a conoscere le mie vigne e i loro frutti.

Oggi mi sento di aver smentito la convinzione generale che queste botti piccole influenzino troppo il carattere del vino, e di essere arrivato a creare dei vini equilibratieleganti, che non fanno parlare la tostatura della botte, ma raccontano la storia dell’uva con cui sono prodotti.

Non sei sicuro?
Te ne accorgerai al momento dell’assaggio: faremo insieme un esperimento…

LA DEGUSTAZIONE

Per risolvere la questione del barrique che nasconde il “gusto della vigna”, faremo una prova insieme.

I miei due prodotti di punta sono il Nebbiolo d’Alba DOC Para’di’ e il Roero DOCG Colla.

Produco questi due vini con uve Nebbiolo provenienti da due vigne diverse ma posizionate sulla stessa collina.

La vigna Colla è più in alto, a 350 metri, affacciata a sud-ovest, caratterizzata da un terreno più sabbioso e da viti molto vecchie (circa 45 anni).

Invece la vigna che produce il Para’di è affacciata a sud-est, su un appezzamento caratterizzato da un terreno più calcareo e da viti più giovani (circa 15 anni).

Io vinifico queste uve esattamente nello stesso modo.

I due vini fanno gli stessi passaggi in barrique, per lo stesso periodo, in botti della stessa età, eppure potrai sentire in ciascuno l’anima della vigna e della terra da cui provengono.

Nebbiolo entrambi, ma con esposizioni e terreni diversiper due vini molto differenti, le cui caratteristiche peculiari non vengono nascoste o uniformate dalla barrique.

Ecco quindi la dimostrazione che, quando usata con coscienza, la botte piccola migliora l’invecchiamento senza compromettere l’unicità del Nebbiolo roerino.

DEGUSTAZIONE & INFO UTILI

I Vini a base Nebbiolo

Il Roero DOCG Riserva Colla

Speziato ed elegante (eleganza dovuta al terreno sabbioso, tipico del Roero), è un vino da invecchiamento. Affinato in barrique nuove per 24 mesi, il potente incontro dei tannini prolunga l’insieme delle sensazioni in un persistente finale.

Il Roero DOCG Colla

Vino asciutto e bilanciato, dal grande potenziale di invecchiamento dovuto al terreno calcareo su cui cresce la vigna. Questo vino immediato rappresenta la tipicità del Roero. Lo affino in barrique nuove per 18 mesi.

Il Nebbiolo d’Alba DOC Para’di’

Oltre al Colla, produco anche il più conosciuto Nebbiolo d’Alba DOC: è il mio vino da tutti i giornifacile da bere, che fa solo 12 mesi in barrique di secondo passaggio per ossigenare e fissare il colore: questo è il vino della tradizione.

Arneis & Barbera 

Durante la degustazione potrai infine assaggiare il Barbera, il vino “popolare” dei contadini, il tipicissimo Arneis, molto fresco se bevuto giovane, ma che evolve in una nota minerale (portata dal terreno calcareo) dopo un anno.

Il Passito

E se ti piacciono i vini dolci, potrai assaggiare il passito di Arneis, che produco solo in 2000 bottiglie di piccolo formato.

I grappoli sono raccolti in ritardo e poi lasciati ad appassire per alcuni mesi, per essere poi ressati a Dicembre: dai profumi di albicocca e di frutta essiccata, è un vino per i dolci o formaggi molto stagionati.

INFO UTILI

Tour dei Vigneti

Da concordare su richiesta e disponibile in primavera, estate e autunno.

Lingue Parlate

Lingue parlate: italiano, inglese e francese.

Parcheggio

Ampio parcheggio in grado di ospitare auto e pullman.

Animali

Sono ammessi animali domestici.

Gruppi

Sono ammessi i gruppi per un numero massimo di 25 persone.

Acquisti

In cantina avrai la possibilità, se lo desideri, di acquistare vini a prezzi molto vantaggiosi.
Clicca qui per vedere i prezzi riservati ai visitatori.

Pagamenti

Contanti e Bancomat, sono accettate le carte di credito esclusivamente per gli acquisti on-line.

Prezzi & Proposte

Degustazione Ridotta

Include 3 vini a scelta di mia produzione: per chi ha poco tempo, o vuole andare “mirato”.

Prezzo 10€ – Prenota

Degustazione Completa

Include 6 vini a scelta di mia produzione: per chi desidera provare una panoramica completa sui vini del nostro territorio.

Prezzo 20€ – Prenota

Nebbiolo in circolo

Una panoramica sul vitigno più tipico di Langhe & Roero: il Nebbiolo! Assaggerai 4 etichette: il Roero DOCG Colla, il Roero DOCG Colla Riserva, il Nebbiolo d’Alba DOC Para’Dì e lo Spumante Metodo Classico.

Prezzo 25€ – Prenota

Verticale Arneis DOCG

Se vuoi approfondire il tradizionale bianco delle Langhe, per scoprirne storia e sfumature: degusteremo insieme l’annata in corso e 2 annate precedenti.

Prezzo 25€ – Prenota

Verticale Roero DOCG

Se vuoi approfondire il rosso più importante del Roero, parente stretto di Barolo & Barbaresco, per scoprirne storia e sfumature: degusteremo insieme l’annata in corso e 3 annate precedenti.

Prezzo 30€ – Prenota

COSA VEDERE

nel Roero

Santuario della Madonna dei Boschi

Nato tra il 1350-1400 come piccola cappella campestre, il santuario ha subito diverse modifiche di ampliamento e ristrutturazione nel corso dei secoli. Oggi conserva un prezioso affresco gotico del XV secolo posto sulla volta della navata della chiesa.

Tartufaia Didattica

E’ il luogo ideale per conoscere e scoprire l’origine del tartufo. Si tratta di un piccolo bosco dedicato alla produzione del fungo grazie alla presenza di piante che ne favoriscono la crescita. Potrete farvi accompagnare in una visita didattica per scoprire tutti i segreti del tartufo.

Museo Naturalistico del Roero

Si tratta di un piccolo museo ideale per conoscere a fondo gli ambienti naturali del Roero: la sala geologica racconta l’origine del territorio, mentre la sala faunistica è dedicata agli animali, piante e insetti presenti su queste colline.

Castello di Magliano Alfieri

Opera del XVII secolo, pare che sia stato progettato dall’architetto Amedeo di Castellamonte. Residenza estiva della famiglia Alfieri, conserva alla perfezione intonaci e affreschi originali. Al suo interno sono ospitati i musei dedicati al paesaggio e alla lavorazione del gesso.

Ecomuseo delle Rocche

Un museo a cielo aperto dedicato alla natura e alla cultura dei luoghi. Attraverso i numerosi sentieri turistici, di trekking o per mountain bike potrete scoprire la storia e la particolarità del territorio caratterizzato da rocche e paesi affacciati su precipizi da vertigini.

Chiesa di San Vittore

A Priocca si trova quest’antica chiesa romanica, antecedente all’anno Mille, che ancora oggi conserva un prezioso affresco del 1400, la Madonna con Bambino, insieme allo Sposalizio di Santa Caterina, opera trecentesca.

DICONO DI NOI

Le recensioni di TripAdvisor

Meraviglioso

“Non ci sono estranei, solo amici che non hai ancora incontrato”. È esattamente ciò che accade da Fabrizio: parti per una degustazione e ti trovi a far visita ad un amico che ti propone vini che non sono solo eccezionali ma che riescono a stupirti. La cura che si trova in ogni bottiglia non è solo fatta di competenza e passione: dentro c’è un valore umano che a noi ha trasmesso ed insegnato molto rendendo la nostra una grande esperienza di vita oltreché di gusto

Maurizio R

scritto il 18 giugno 2018

Nella botte piccola c’è vino buono!

Piccola perché è una realtà a conduzione familiare, una piccola cantina dove la passione e la qualità sono mostrate da Fabrizio e da sua moglie durante la degustazione. Non solo degustazione di vini (con assaggi di salame e formaggi) ma un viaggio nella storia di questa famiglia, di come è nata l’azienda e con quali valori è portata avanti. Complimenti!!

Giulia P

scritto il 14 luglio 2018

Visita in cantina

Abbiamo incontrato una famiglia cordiale e disponibile: Fabrizio si è dimostrato molto competente, riesce a trasmettere alle persone che lo ascoltano l’entusiasmo per il suo lavoro ed ha la pazienza di spiegare in modo semplice e comprensibile le varie fasi della vinificazione. Esperienza da ripetere e da consigliare a tutti anche per l’ottima qualità dei suoi vini.

marino b

scritto il 10 settembre 2018

Prenotazioni

Compila il modulo sottostante per prenotare una visita in cantina oppure chiamaci al +39 339 35 57 870 o al +39 0173 658156.

  • Formato data:GG slash MM slash AAAA
  • Es. 15.30 oppure “Pomeriggio”
  • scrivi qui particolari domane o richieste, come la visita ai vigneti (disponibile in primavera, estate e autunno)